Home » Articles posted by asasso1956@gmail.com

Author Archives: asasso1956@gmail.com

About asasso1956@gmail.com

CORREGGERE LA DOSE DELL’INSULINA BASALE

L’insulina basale, a differenza di quella prandiale (che si pratica in bolo tutte le volte che il diabetico assume del cibo), s’inietta solo una volta al giorno, generalmente la notte, prima di andare a letto. Come già sappiamo si sceglie...
Read More »

IL GLUCOMETRO

E’ il dispositivo medicale più semplice per rilevare la glicemia capillare: il paziente ottiene un piccola goccia di sangue pungendosi il polpastrello di un dito. Il sangue viene applicato sull’estremità libera della striscia reattiva, mentre l’altra è inserita nell’apposita apertura...
Read More »

UTILITA’ CLINICA DELL’AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO

L’automonitoraggio glicemico viene valutato mediante dispositivi medicali di varia complessità da quelli più semplici,  i glucometri, a quelli tecnologicamente più avanzati  i sensori e il FreeStyle Libre, che permettono il monitoraggio continuo. L’automonitoraggio   serve a raccogliere informazioni sui valori glicemici del diabetico nei diversi momenti...
Read More »

AUTOMONITORAGGIO GLICEMICO (NEL PAZIENTE INSULINO-DIPENDENTE)

I pazienti insulino-dipendenti che praticano lo schema basal-bolus (terapia insulinica intensiva) ordinariamente dovrebbero valutare le loro glicemie almeno tre volte al giorno, prima dei pasti, allo scopo di verificare se si è a target (glicemia tra 80 – 120mg%) e...
Read More »

LIPODISTROFIE DA INSULINA: SOLO INESTETISMI?

La lipodistrofia  da iniezioni d’insulina (LDI) è un’alterazione localizzata del tessuto adiposo sottocutaneo, strettamente correlato  a 3 fattori: 1) il traumatismo ripetuto dell’ago d’iniezione, 2) l’accumulo locale d’insulina  e 3) la reattività tissutale del soggetto. Si distinguono 2 tipi di LDI: -la...
Read More »

RICONOSCERE LE CRISI IPERGLICEMICHE NEL DIABETE MELLITO

Le crisi ipoglicemiche non sono le uniche complicanze acute in cui possono incorrere i soggetti con diabete di tipo 1 (DMT1)  e di  tipo 2 (DMT2) insulino-trattato; tra queste vanno considerate anche le crisi   iperglicemiche. Ve ne sono di due tipi...
Read More »

AREA CARDIOPROTETTA

Pullulano in città cartelli con la scritta “Area cardioprotetta”:  agli ingressi di strutture pubbliche (scuole, tribunali, stadi …), di strutture private (palestre),  di spazi verdi attrezzati. Anche sui cartelloni pubblicitari di eventi sportivi. Si ha l’impressione che sia in atto...
Read More »

L’ALLENAMENTO PER MIGLIORARE LA PERFORMANCE FISICA

Sei un soggetto sedentario o uno sportivo? Vuoi cominciare un’attività sportiva con l’intento di trarne un beneficio in termini di salute e benessere. Oppure vuoi  migliorare la tua perfomance psico-fisica (velocità, potenza muscolare, resistenza ecc),  per essere più competitivo in gara ovvero...
Read More »

TIPI DI METABOLISMO MUSCOLARE PER INTENSITÀ DI ATTIVITÀ

1. Aerobico (ossidativo) 2. Anaerobico lattacido  3. Anaerobico alattacido Nei muscoli vi sono tre tipi di cellule: le rosse (lente o di tipo 1, ricche di mioglobina, una proteina pigmentata, e di mitocondri), le cellule con caratteristiche intermedie (di tipo...
Read More »

I LIVELLI RACCOMANDATI DI ATTIVITÀ FISICA DALL’OMS PER FASCE DI ETÀ

Quanta attività fisica è raccomandata? L’OMS (l’Organizzazione Mondiale della Sanità) raccomanda ai soggetti sani: Per la fascia di età compresa tra i 5-17 anni •Almeno  60 minuti al giorno di attività d’intensità da  moderata a  vigorosa. •Un’attività superiore a 60 minuti...
Read More »
Scroll To Top